NCR “Fragilità, pandemia, fraternità umana che si prende cura del Creato”

Riflessioni multidisciplinari sabato 30 ottobre 2021 dalle ore 9:30 presso la cripta della parrocchia pontificia di San Tommaso da Villanova a Castel Gandolfo

0
144

 FRAGILITA’, PANDEMIA, FRATERNITA’ UMANA CHE SI PRENDE CURA DEL CREATO

Riflessioni multidisciplinari

Sabato 30 ottobre 2021 – ore 9:30

Cripta della parrocchia pontificia di San Tommaso da Villanova

Castel Gandolfo

Un invito a riflettere sulla pandemia in maniera multidisciplinare: teologica, scientifica, medica, farmacologica e umanistica. Con questo obiettivo, l’Associazione dei Nuovi Castelli Romani organizza l’incontro “Fragilità,  pandemia, fraternità umana che si prende cura del creato”, in collaborazione con la parrocchia pontificia di San Tommaso da Villanova, il 30 ottobre 2021 a Castel Gandolfo.  Con questa iniziativa, supportata e voluta dal suo direttivo, in particolare Luigi Brescini e Angelo Manfrè, l’Associazione NCR, attiva da un ventennio sul territorio dei Castelli Romani e di Roma, promotrice di iniziative in ambito sanitario, umanistico e culturale, riprende l’attività con rinnovato slancio dopo la pausa dovuta all’emergenza da Covid-19.

L’evento, patrocinato dai comuni di Castel Gandolfo e Nemi e dalla casa farmaceutica Angelini, con la partecipazione di importanti autorità istituzionali, religiose, culturali, imprenditoriali, apre il dibattito sul tema sanitario e scientifico a cura di professori ordinari nell’ambito della medicina, di relatori esperti nel settore della farmacologia e dell’industria farmaceutica. Focus dell’incontro è la crisi pandemica, intesa come un momento per riscoprire la preziosità della fragilità delle cose e degli uomini. Fragilità da curare con amore.

La fragilità per la fede cristiana e la cifra di tutte le creature, “terra buona”, degli uomini, ” i tralci” fratelli del Figlio, la “Vite”, di modo che è dentro lo stesso mistero di Dio, nel Figlio, la fragilità non presuntuosa, né da rigettare, ma continuamente sostenuta da una tenerezza di Padre. In concreto questo vuol dire prendersi in carico tutto e tutti, anche noi con infinita tenerezza. Di conseguenza la pandemia può diventare un’occasione di amore rinnovato. Come dice Papa Francesco “non si esce mai come prima…”.

Intervengono S.E. Mons.Vincenzo Apicella, vescovo diocesi di Velletri-Segni; Don Tadeus Rozmus SDB, parroco chiesa pontificia San Tommaso da Villanova; Milvia Monachesi, sindaco di Castel Gandolfo; Alberto Bertucci, sindaco di Nemi; Carmelo Pandolfi, professore ordinario Ateneo pont. Regina Apostolorum di Roma; Giancarlo Pantaleoni,  professore ordinario F. R. di Farmacologia Università degli studi dell’Aquila; Antonio Concistrè, dottore in Arterial hypertenson and vascular biology Università La Sapienza di Roma; Claudio Letizia professore di Medicina interna e senatore accademico Università La Sapienza di Roma; Ettore Pompili, presidente onorario Ass. Nuovi Castelli Romani.

Ingresso libero – per partecipare  è necessario esibire la certificazione verde Covid-19 (Green pass)”. Lo rende noto l’Associazione Nuovi Castelli Romani

Print Friendly, PDF & Email