Petizione per contrastare affidamento gestione Villa Nerone Anzio a Parco Archeologico dei Castelli Romani

I promotori: "Ora, viene rispolverato un vecchio atto dell'allora consigliere regionale, ora assessore Giancarlo Righini, per istituire il Monumento Naturale Villa e grotte di Nerone".

0
411

“Dopo l’evento del distacco di parte dell’arco muto continuano ad essere presi provvedimenti sbagliati per il futuro della nostra città.

Prima un’ordinanza scritta in fretta, senza fondamenta tecnico scientifiche chiudeva il tratto di spiaggia ed i monumenti prospicenti per mesi, mettendo in difficoltà attività economiche ed i cittadini.

Ora, viene rispolverato un vecchio atto dell’allora consigliere regionale, ora assessore Giancarlo Righini, per istituire il Monumento Naturale Villa e grotte di Nerone.

Nel decreto firmato dal presidente della Regione Lazio però, viene indicato che la gestione verrà affidata all’ente parco Castelli Romani, che gestisce aree naturali e parchi (da poco anche Tor Caldara), senza nessuna competenza di siti archeologici di rilevante valore.

Siamo contenti per l’istituzione del monumento naturale, anzi, auspichiamo l’adozione integrale della proposta originale comprensiva dell’area marina protetta, ma NON CONDIVIDIAMO ASSOLUTAMENTE LA SCELTA DELLA GESTIONE AFFIDATA ALL’ENTE PARCO DEI CASTELLI ROMANI.

Riteniamo che continuare con la frammentazione di gestione dei beni culturali ed ambientali della città di Anzio non possa elevare la proposta culturale della nostra città che deve andare verso un progetto di messa a rete dei tanti elementi monumentali ed archeologici disseminati sul territorio.

L’unica scelta per cui abdicheremo dalla gestione in house è quella della gestione ministeriale del sito, che possa valorizzarlo inserendolo nell’offerta culturale del Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo dove, oltre alla Fanciulla d’anzio, vengono conservati numerosi reperti ritrovati sul nostro territorio.

Se qualcuno ha pensato che la valorizzazione di un tratto di costa così importante per la città possa essere risolto con l’istituzione del monumento naturale o non è a conoscenza delle poche risorse finanziarie a disposizione per questa attività, oppure è un mala fede e vuole togliere la gestione del bene al nostro Comune.

Firma anche tu questa petizione per rettificare il decreto di istituzione del monumento naturale “Ville e grotte di Nerone” mantenendo la gestione al Comune di Anzio.

Link: https://www.change.org/p/firma-perche-la-gestione-della-villa-di-nerone-non-vada-al-parco-dei-castelli?recruiter=1342424111&recruited_by_id=6d4f1b00-37af-11ef-b6e2-2db8b948e765&utm_source=share_petition&utm_campaign=share_for_starters_page&utm_medium=copylink

“. Lo dichiarano l’Arch. Flavio Vasoli, il Dott. Rodolfo Turano, il Dott. Gabriele Federici, il Dott. Angelo Pugliese, il Dott. Francesco Squintu, il Dott. Aurelio Lo Fazio, il Dott. Giovanni Del Giaccio, l’Avv. Giuseppina Piccolo e la Sig.ra Stefania Amaducci