Più Lariano attacca la giunta Caliciotti in una lettera ai cittadini

0
1197
piùlariano
Casagrande Raffi, Consigliere Comunale del gruppo Più Lariano
piùlariano
Consigliere Comunale del gruppo Più Lariano

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la seconda parte di una lettera aperta ai cittadini di Lariano da parte dei Consiglieri Comunali larianesi della lista Più Lariano, Gianluca Casagrande Raffi ed Emiliano Astolfi

“Salve cari concittadini – esordisce così la nota di Più Lariano – pur delusi e rammaricati dalla maleducazione e dalla prosopopea dimostrate da una parte della maggioranza nel concitato Consiglio Comunale del 9 luglio, solamente perché in ogni modo cerchiamo di informarvi e tutelarvi, andiamo avanti senza paura.

Nel precedente articolo eravamo arrivati a Novembre 2013 e, come promesso, da lì riprendiamo.

Siamo ai soliti proclami senza fatti, quando nel consiglio comunale del 29.11.2013 si esprime solidarietà agli operatori del tessuto economico e produttivo di Lariano (parole, parole e solo parole). Il commercio e la produttività stanno muorendo a Lariano, l’economia del paese è ormai paralizzata, e l’attuale maggioranza manda solo fumo negli occhi ai cittadini ed ai commercianti.

Non una idea, non un atto concreto e valido per risollevare l’economia, solo tasse, balzelli ed aumenti. Di buone idee, al contrario di qualche assessore – continua la nota – ne abbiamo (ad esempio: parcheggi gratuiti con giornata outlet della spesa a Lariano), qualcuno sarà in grado di ascoltarle?

Una interrogazione del 29.11.13 pone in evidenza che un tecnico, pur valido ma responsabile di impresa “vicina” alla maggioranza, viene nominato per collaudare le opere pubbliche di Via S. Pertini/Eurospin; nessun problema dal punto di vista legale, ma della correttezza politica?

In una seconda interrogazione dell’aprile 2014, dopo la mancata risposta a nostre richieste protocollate, l’assessore all’urbanistica, pagato per vigilare e dare risposte, con in più lauti rimborsi mensili per le sue “presenze”, non è in grado o non vuole rispondere su una convenzione urbanistica ratificata in consiglio comunale con importanti opere di urbanizzazione primaria parzialmente realizzate o non realizzate affatto. Senza assumersi alcuna responsabilità di governo, chiama in soccorso il tecnico dirigente comunale. Assurdo? Ditelo voi.

Richiediamo ufficialmente e pubblicamente: 1) entro i trenta giorni previsti vogliamo risposte formali alle nostre precise richieste scritte e protocollate; 2) in Consiglio Comunale rispondano gli assessori preposti appositamente pagati con i NOSTRI SOLDI. Altrimenti spiegateci per quale motivo sono stati nominati. Per scaldare poltrone e dileguare i nostri soldi non occorrono nomination.

Il 16.12.2013, approvati vari regolamenti, tutti con aumenti delle tariffe e nessuno che vada verso lo sviluppo e l’innovazione. Si conferma la linea retrograda dell’attuale amministrazione. Ma i giovani ed i nuovi di questa amministrazione, dove sono? Riusciranno mai a far sentire le loro voci, oppure si accontenteranno di fare da comparse e vivacchieranno in attesa di qualcosa?

Da dicembre ad aprile 2014 ben 4 mesi di Silenzio.

Il silenzio ci preoccupa, il bunker di cemento è ormai completato, la casa comunale trasformata in un luogo di omertà e paura. Vi ricordate la promessa elettorale per un edificio comunale di trasparenza ed integrazione?? La risposta è ora sotto gli occhi di tutti voi.

Arriviamo ad aprile 2014. Tutte le tassazioni possibili ancora in prima linea con vessazioni sempre al massimo, l’amministrazione Caliciotti, sorda e poco lungimirante, prosegue senza sosta sulla via del rigore, che da sola, per quanto legittima (?), affossa l’economia e le famiglie di Lariano.

Ancora scuse e perdite di tempo inaccettabili sul Centro Anziani, da sempre fiore all’occhiello del nostro paese, in pochi mesi distrutto, dequalificato, abbandonato e terra di conquista per pochi eletti. Ad oggi ancora commissariato, quando oltre un anno fa, in consiglio comunale, votammo all’unanimità immediate elezioni. No Comment.

Rinnoviamo la nostra proposta: immediate elezioni per restituire dignità ed indipendenza al centro ed a chi lo vive e lo frequenta abitualmente.

Viabilità: qui, consentitecelo, siamo arrivati al ridicolo. In questi ultimi mesi ne abbiamo viste e sentite di tutti i colori.

Improvvisazione, mancanza di programmazione, scarsa considerazione dei cittadini e delle attività commerciali, un totale disastro organizzativo ed infrastrutturale. Esattamente il contrario di quello che noi proponiamo. Il tutto contro il buon senso e contro i doveri di una buona azione politica – aggiunge la nota – che dovrebbe basarsi su un’attività programmatica volta a risolvere i problemi ai cittadini contribuenti, invece di crearne sempre di nuovi.

Questa è la vecchia politica “dell’ultimo anno”, strade, illuminazione e lavori pubblici, solo prima delle prossime elezioni. Per quattro anni cittadini vessati e strade disastrate.

A proposito di problemi, ve ne citiamo uno dovuto a incapacità e superficialità amministrativa: il caso del pagamento della TASI. Tanto caos e poca chiarezza, con i centri CAF in difficoltà. Però quando è il cittadino che deve pagare, ad una nostra richiesta di chiarimenti, la risposta è arrivata dopo soli 20 giorni per raccomandata. Per tutto il resto, Silenzio e solo Silenzio.

Continuano senza sosta le concessioni e gli affidi diretti per i lavori pubblici. Senza trasparenza e sana concorrenza, sempre a scapito della collettività e della meritocrazia.

Ora basta, a tutto c’è un limite. Il nostro dovere lo abbiamo fatto anche in questo campo e continueremo a farlo, vigilando attentamente.

Ribadiamo la nostra proposta: Trasparenza e Meritocrazia, nient’altro.

Vogliamo parlare poi delle assurde opposizioni legali affidate ad avvocati esterni, contro diritti dei cittadini, con spese legali, che in alcuni casi, superano il valore della causa stessa o del congruo risarcimento negato al cittadino? Questa proprio non riusciamo a spiegarcela. O forse sì.

Se tutto quanto descritto nei due nostri articoli, rappresenta la tanto decantata, quanto autoreferenziale, capacità di amministrare, allora, cari concittadini larianesi, dobbiamo veramente preoccuparci, non abbiamo speranza di un futuro migliore per Lariano.

Questa non è demagogia, nè pessimismo, ma una semplice constatazione della realtà.

Insieme a noi, Voi cittadini che vivete quotidianamente il paese, potete toccare con mano e verificare di persona, quanto da noi affermato.

Basta con questa gestione del Palazzo medievale ed oscurantista, come da due anni questa parte.

Cerchiamo continuamente, con tutte le nostre forze, nelle sedi preposte e con tutti i canali d’informazione a disposizione, di stimolare e far ravvedere la maggioranza, per indurla ad una gestione amministrativa limpida e vicina ai reali problemi di tutti i cittadini di Lariano.

E per questo riceviamo offese personali in Consiglio Comunale, e già siamo alla terza volta, ma non ci intimoriscono, e, come ben potete vedere, continuiamo sulla strada della buona e giusta informazione.

Di nuovo grazie a tutti voi che ci seguite e confortate nella nostra azione politica, sempre accanto ai reali problemi delle vostre famiglie e del nostro paese”.

Print Friendly, PDF & Email