Rifiuti, Tidei Italia Viva “Vicina a amministratori e cittadini Albano, Raggi si assuma responsabilità”

"I Comuni dei Castelli Romani e del bacino interessato dalla discarica, in prima fila Albano, hanno dimostrato in questi anni grandi capacità di governo del ciclo dei rifiuti, con politiche innovative, raggiungendo percentuali molto significative in termini di raccolta differenziata, ricevendo anche prestigiosi riconoscimenti per questo sia a livello regionale che nazionale e persino europeo. Non possiamo permettere che questi esempi virtuosi di amministrazione della cosa pubblica siano resi vani", conclude Tidei. 

0
71
tidei_nobili
Tidei e Nobili
Rifiuti, Tidei (Iv): “Vicina a amministratori e cittadini Albano, Raggi si assuma responsabilità”
“Esprimo tutta la mia vicinanza agli amministratori locali, ai cittadini di Albano Laziale e dei Comuni limitrofi, che nello scorso fine settimana si sono ritrovati per manifestare la loro contrarietà alla riapertura della discarica in località Roncigliano, chiusa oramai dal giugno 2016, allorquando venne reso inutilizzabile da un incendio dell’impianto”. Lo dichiara, in una nota, Marietta Tidei, consigliera regionale di Italia Viva.
“Il mio appello va in primo luogo alla Sindaca di Roma e della Città Metropolitana Virginia Raggi, affinchè, finalmente, si assuma le sue responsabilità, senza scaricare più sui Comuni della Provincia e sulla Regione, la totale mancanza di progettualità e programmazione della sua Giunta. In seconda battuta chiedo al Presidente Zingaretti di farsi carico della questione in prima persona. I Comuni dei Castelli Romani e del bacino interessato dalla discarica, in prima fila Albano, hanno dimostrato in questi anni grandi capacità di governo del ciclo dei rifiuti, con politiche innovative, raggiungendo percentuali molto significative in termini di raccolta differenziata, ricevendo anche prestigiosi riconoscimenti per questo sia a livello regionale che nazionale e persino europeo. Non possiamo permettere che questi esempi virtuosi di amministrazione della cosa pubblica siano resi vani”, conclude Tidei.
Print Friendly, PDF & Email