Romanina, finisce in carcere 41enne partenopeo esperto di “falsi incidenti” e richieste di risarcimento

Roma, minacciava le vittime paventando di appartenere a noto clan criminale. Notificata ieri, venerdì 7 maggio, l’ordinanza di custodia cautelare in carcere

0
97
romanina
romanina

Roma. Finisce in carcere 41enne partenopeo esperto di “falsi incidenti” e richieste di risarcimento. Minacciava le vittime paventando di appartenere a noto clan criminale. 

E’ stata notificata ieri, dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Romanina, diretto da Moreno Fernandez, l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di R.F., partenopeo di 41 anni.

L’uomo, in due diversi episodi avvenuti il 12 e 15 aprile scorsi, mentre era in auto in compagnia di una donna, simulando un falso incidente stradale, aveva richiesto alle vittime, quale risarcimento del danno, una somma di denaro. Nella circostanza il malvivente, paventando di appartenere ad un noto clan malavitoso, le aveva minacciate prospettandogli che se avessero parlato per loro sarebbe finita male.

In uno dei due casi, dopo aver intimidito e accompagnato il malcapitato presso uno sportello ATM si era fatto consegnare 500 euro.

In considerazione del fatto che il 41enne, risultava già sottoposto alla misura del divieto di dimora nel comune di Roma, gli investigatori del commissariato hanno richiesto all’Autorità Giudiziaria l’aggravamento di detta misura cautelare ottenendo per R.F. l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.  Notificato il provvedimento, per lui si sono aperte le porte del carcere. La sua complice invece è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email