Rsr Castelli Romani (calcio a 8), è serie A. Campagna: “Sensazioni bellissime, ora la Coppa Italia”

L’ultima nota di Campagna è una vera e propria chicca, una “bomba” che sta per esplodere nei prossimi giorni: “Avremo la possibilità di utilizzare un marchio di un grande club professionistico. Al momento posso solo dire che l’allenatore della serie A e il giocatore più rappresentativo, ovvero Diego Falanga, verranno presentati in un evento a Milano… Col marchio che avremo non potremo certo fare le comparse o un campionato a salvarci, ma dovremo puntare allo scudetto anche perché avremo un budget importante da poter gestire”.

0
60

La Rsr Castelli Romani nell’olimpo del calcio a 8 italiano. Il verdetto è arrivato ieri sera, grazie alla vittoria della squadra di serie A2 sul Pomezia nella semifinale di Coppa Italia. Una sfida dura (come testimonia il 4-3 conclusivo) che ha spalancato al club del presidente Kevin Campagna la possibilità di accedere alla finale della competizione, ma soprattutto di avere la certezza di partecipare al prossimo campionato di serie A. “Sono sensazioni bellissime quelle che abbiamo vissuto e ancora stiamo provando – dice Campagna – Questo gruppo ha vinto la fase regolare del campionato e poi non era riuscito a entrare nella Final Four, perdendo la prima possibilità di fare il salto di categoria. Nel percorso di Coppa Italia abbiamo eliminato l’Isola Farnese agli ottavi (9-0), i Canguri Romani ai quarti (in una palpitante sfida vinta ai calci di rigore) e infine il Pomezia. Giovedì alle ore 21,30 presso lo stadio “Alfredo Berra” di Roma avremo la finale contro l’Asd Sparta calcio che ha già guadagnato l’accesso alla serie A e per questo, a dispetto del risultato del match, abbiamo già la certezza del salto di categoria. Ma l’obiettivo è quello di vincere la Coppa Italia perché la doppietta con la fase regolare del campionato non è mai riuscita a nessuno”. Campagna passa ai ringraziamenti per questa splendida cavalcata: “Voglio complimentarmi con mister Marco Farina che ha iniziato il percorso con questo gruppo e con l’attuale allenatore Alessandro Arcangeli che ha conquistato il primo storico trofeo con la vittoria della fase regolare del campionato e che dopo la finale di Coppa Italia rientrerà nei ranghi dirigenziali del nostro club. Un grazie speciale a un dirigente sempre presente e disponibile come Luciano Paolacci e ovviamente a tutti i ragazzi”. Campagna è già proiettato alla prossima stagione: “Avremo nuovamente tre squadre ai nastri di partenza. Oltre alla serie A, avremo altri due gruppi che al momento sono entrambi in serie B: uno sarà allenato da Emanuele Della Portella e l’altro ancora da Stefano Gatta. Quest’ultima squadra, formata da elementi molto giovani, ha perso la finale play off in questa stagione e per questo chiederemo il ripescaggio in A2”. L’ultima nota di Campagna è una vera e propria chicca, una “bomba” che sta per esplodere nei prossimi giorni: “Avremo la possibilità di utilizzare un marchio di un grande club professionistico. Al momento posso solo dire che l’allenatore della serie A e il giocatore più rappresentativo, ovvero Diego Falanga, verranno presentati in un evento a Milano… Col marchio che avremo non potremo certo fare le comparse o un campionato a salvarci, ma dovremo puntare allo scudetto anche perché avremo un budget importante da poter gestire”.