ARCHEOLOGIA, STORIA, ARTE E TRADIZIONI AI COLLI ALBANI DALLE ORIGINI AL GRAND TOUR

Dopo l’interruzione dello scorso anno, causata dal covid, tutto è ripreso regolarmente con partecipanti che provengono da Roma, Provincia di Roma litorale e Castelli Romani

0
161

Mercoledì 18 febbraio 2022, alle ore 17:00, nella Sala Bariatinsky del Palazzo Chigi di Ariccia, sono riprese le lezioni del corso di archeologia, storia e storia dell’arte 2022 a cura dell’Archeoclub Aricino Nemorense APS (le iscrizioni al corso sono chiuse per il raggiungimento massimo degli iscritti). Dopo l’interruzione dello scorso anno, causata dal covid, tutto è ripreso regolarmente con partecipanti che provengono da Roma, Provincia di Roma litorale e Castelli Romani. Il corso ha ricevuto il patrocinio dal Comune di Ariccia e del Parco Regionale dei Castelli Romani.

La lezione di apertura del nuovo anno è stata tenuta dall’ ing. Romano Moscatelli con un approfondimento dedicato ad uno dei luoghi più affascinanti del territorio dell’antica città di Aricia dal titolo: “Emissario del lago di Nemi. Inquadramento storico e aspetti realizzativi, noti ed enigmatici”. Lo studioso è da circa sette anni il coordinatore e responsabile del progetto “Emissario del lago di Nemi” della nota Associazione Sotterranei di Roma. Durante il suo intervento Moscatelli ha rivelato ai presenti le caratteristiche costruttive dell’antico manufatto ed alcune recenti scoperte che hanno accresciuto ancor di più l’interesse per il condotto sotterraneo.

Il calendario del corso, da febbraio fino a giugno, prevede numerosi insegnamenti che vanno dalla storia romana, alla storia dell’arte, all’archeologia, alle antichità romane e alla geologia e prenderà in esame il territorio dei Colli Albani dalle origini per arrivare sino al periodo del Grand Tour.

I docenti sono tutti noti e molti di loro hanno all’attivo monografie e numerose pubblicazioni scientifiche anche con università italiane e straniere: il prof. Mariano Malavolta (emerito prof. dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata), l’arch. Francesco Petrucci (conservatore di Palazzo Chigi e storico dell’arte), la dott.ssa Rosa De Santis (laureata con una tesi di archeologia che riguarda il territorio di Rocca di Papa), il dott. Alberto Crielesi (storico dell’arte e archivista, studioso della città di Albano Laziale), la dott.sa Emanuela Angelone (direttrice del Parco dei Castelli Romani e geologa), la dott.ssa Alessandra Silvestri (guida turistica e segretaria di Archeoclub Aricino Nemorense), il dott. Luca Attenni (archeologo e direttore dei musei di Lanuvio e Alatri), il dott. Alberto Silvestri (storico delle antichità romane e Vicepresidente di Archeoclub Aricino Nemorense), la dott.ssa Maria Cristina Vincenti (archeologa, museologa, Presidente di Archeoclub Aricino Nemorense e coordinatrice del corso).

Nel programma sono previste nei prossimi giorni visite didattiche indoor e outdoor a siti archeologici e speleologici, a palazzi storici, musei, passeggiate lungo le vie consolari, che saranno tenute dagli stessi docenti del corso. Per informazioni sulle iscrizioni all’associazione e sulle altre attività di Archeoclub Aricino Nemorense scrivere a archeoclubaricia@alice.it o archeoclubaricinonemorense@gmail.com;

oppure telefonare o scrivere su whatsapp al seguente numero di telefono: 3883636502.