Francesca De Vito Misto “E’ compito della Regione salvaguardare la salute, ma anche la sicurezza dei cittadini”

“A seguito dell’ennesima evasione avvenuta dalla REMS di Subiaco, situata all’interno dell’Ospedale Angelucci, ho presentato un’interrogazione alla Giunta Regionale e nello specifico all’Assessore D’Amato per sapere come intendano agire al fine di salvaguardare, oltre alla salute, anche la sicurezza dei cittadini del proprio territorio” Lo dichiara Francesca De Vito, consigliera del Gruppo Misto alla Regione Lazio.

0
55
francescadevito
francesca de vito

SANITÀ: F. DE VITO (MISTO) “E’ COMPITO DELLA REGIONE SALVAGUARDARE LA SALUTE MA ANCHE LA SICUREZZA DEI CITTADINI”

“A seguito dell’ennesima evasione avvenuta dalla REMS di Subiaco, situata all’interno dell’Ospedale Angelucci, ho presentato un’interrogazione alla Giunta Regionale e nello specifico all’Assessore D’Amato per sapere come intendano agire al fine di salvaguardare, oltre alla salute, anche la sicurezza dei cittadini del proprio territorio”
Lo dichiara Francesca De Vito, consigliera del Gruppo Misto alla Regione Lazio.

“Secondo le normative vigenti – prosegue – il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari avviene attraverso la costituzione delle Residenze per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza (REMS), piccole realtà che dovrebbero rimanere architettonicamente e strutturalmente adeguate alla loro funzione e natura che é quella di una comunità e nemmeno lontanamente di un ospedale o di un carcere”

“La REMS di Subiaco è invece realizzata all’interno dell’Ospedale Angelucci – incalza – in aperto contrasto con quanto sopra e ribadito nella 2° relazione semestrale sulle attività svolte dal Commissario di Governo proprio in materia di superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, datata 2017. Ritengo inoltre assurdo che nel medesimo nosocomio si stia procedendo alla ristrutturazione di un ulteriore piano da destinare ai detenuti psichiatrici di sesso maschile, privando di conseguenza i residenti del territorio di spazi destinati a servizi sanitari.”

“L’ennesima evasione di un internato quindi riporta alla luce una serie di “mancanze” e criticità anche in tema di sicurezza di cui la Regione dovrebbe rispondere”. E conclude: “Se a questo aggiungiamo le gravi carenze in materia di offerta sanitaria della ASL RM5, ritengo che le risposte da dare ai residenti debbano essere più di una”.

Print Friendly, PDF & Email