Grottaferrata, Passini “Finalmente largo Croce rossa. Ma che sgarbo dal sindaco”

“Purtroppo – prosegue – ancora una volta, nell’ineluttabile e triste cliché mostrato in questi anni, il sindaco Andreotti anche in questa occasione ha rimarcato la sua attitudine ad una interpretazione assolutista del governo cittadino che non può avere nulla a che vedere con la mia idea di amministrazione partecipativa, condivisa e collaborativa per la città. Noncurante dell’orario da lui stesso fissato nell’ambito dello strettissimo “cerchio magico”, promuovendo una cerimonia mai condivisa col resto della maggioranza, il sindaco ha ben pensato di procedere alla scopertura della targa con buon anticipo rispetto a quanto ieri comunicato, impedendo alla sottoscritta e ad altri soggetti interessati e da sempre in prima linea in ambito sociale ed assistenzialistico di assistere ad un momento che avrebbe dovuto unire l’intera comunità di Grottaferrata”. “Ed invece – conclude Passini – ancora una volta si è ben pensato di dividere e spaccare, senza alcun rispetto per chi, come me, ha lavorato per far ottenere questo piccolo riconoscimento alla nostra straordinaria associazione”.

0
65

FRANCESCA MARIA PASSINI: “FINALMENTE LARGO CROCE ROSSA A GROTTAFERRATA. MA CHE SGARBO DAL SINDACO”

“Questa mattina a conclusione di un iter che ho personalmente promosso e seguito in questi anni, è stata scoperta la targa che istituisce anche a Grottaferrata il largo della Croce rossa. Un riconoscimento dovuto all’impegno di una associazione, di cui mi fregio di far parte, che è da sempre in prima linea nell’assistenza delle fasce deboli e nelle attività di primo soccorso. Da oggi anche Grottaferrata ha il suo largo della Croce rossa”, dice la presidente del Consiglio comunale nonché volontaria CRI Francesca Maria Passini.
“Purtroppo – prosegue – ancora una volta, nell’ineluttabile e triste cliché mostrato in questi anni, il sindaco Andreotti anche in questa occasione ha rimarcato la sua attitudine ad una interpretazione assolutista del governo cittadino che non può avere nulla a che vedere con la mia idea di amministrazione partecipativa, condivisa e collaborativa per la città. Noncurante dell’orario da lui stesso fissato nell’ambito dello strettissimo “cerchio magico”, promuovendo una cerimonia mai condivisa col resto della maggioranza, il sindaco ha ben pensato di procedere alla scopertura della targa con buon anticipo rispetto a quanto ieri comunicato, impedendo alla sottoscritta e ad altri soggetti interessati e da sempre in prima linea in ambito sociale ed assistenzialistico di assistere ad un momento che avrebbe dovuto unire l’intera comunità di Grottaferrata”. “Ed invece – conclude Passini – ancora una volta si è ben pensato di dividere e spaccare, senza alcun rispetto per chi, come me, ha lavorato per far ottenere questo piccolo riconoscimento alla nostra straordinaria associazione”.
Print Friendly, PDF & Email